It is on the top of my tongue — Ce l’ho sulla punta della lingua

Have you ever been in the condition of saying “it is on the tip of my tongue”? Having that feeling of “seeing” the word that you are willing to say, without being able to recall it?

So, also in this case the guilty one is your own brain!

As suggested by Brown generally the human brain recalls information from memory in an automatic way that we take for granted without asking ourselves anything else. This due to the fact this process is immediate and effortless. Having something on the top of the tongue (aka tip-of-the-tongue state, TOT) is that kind of feeling of temporary inaccessibility to a word that a person is trying to recall.

Since word retrieval is immediate, examining it in a temporary holding pattern imposed by the TOT has the potential to reveal subtleties retrieval functions otherwise ignored in the usual word retrieval process. Brown suggested that it is similar to how slow motion photography clarifies the dimensions of a humming bird’s flight.

Generally, the TOT state is considered to be a second thought. In an experiment during the 80s it has been analysed the word retrieval from a specific semantic subset — the Seven Dwarfs Disney. The scholars concluded that the incorrect guesses of the dwarfs’ names was due to a TOT state.

Schwartz suggests that the TOT state has two components: a basic level — the cognitive level — that is the act of trying to retrieve from memory. In addition, a higher level — metacognitive level — that is the reflection upon the cognitive level.

In most of the cases, we are aware of this kind of reflection when we are in a TOT state, while at a cognitive level, the lower one, we try just to retrieve a missing item from memory.

A clear example of that, it is when you turn on the ignition and notice that your “low tire pressure” signal is activated. The light informs you that there is a problem, but the light is not the problem itself.

The TOT experience is like the signal — it warns you that there is a problem with your retrieval system, but the TOT experience is not the problem itself. Your awareness of the problem allows you to do something. You can bring your car to the shop when you see the warning light, and you can continue to seek a missing word when you feel the TOT.

The feeling of being in a TOT state it is similar of being to the brink of a sneeze, where if you found the word your relief is considerable.

The feeling of being in a TOT state it is similar of being to the brink of a sneeze, where if you found the word your relief is considerable.

Some studies have analysed the TOT state, showing how individuals can predict the likelihood of later recognizing the target information presently unrecallable. This feeling is called feeling of knowing, FOK). During the TOT states, the subjects are confident that they can eventually recall the information that in that moment they are not able to recall, while in the FOK states the subject assesses the recognition likelihood for the missing word.

During an experiment, when the subjects failed trying to retrieve an information from memory, they were supposed to say whether they were experiencing a TOT state (possible answers: yes/no) followed by a FOK evaluation (possible answers: on a scale from 1 to 5). In several cases, the subjects answered no to TOT states, yet giving a high FOK rating. This is consistent with the scholars’ hypothesis that different introspective processes underlie the two answers.

The TOT state is a heuristic (you can find more information in this article) and it is generally thought to result from attributions that people make based on other available information, such as retrieval of some of the unretrieved word’s attributes. As an example, if you are not able to retrieve a word but able to retrieve its first letter, one may infer from this that the word is on the verge of access.

The TOT state might have a purpose from an evolutionary point of view; people persevere in their efforts at recall when they are in a TOT state: the metacognitive feeling appears to prompt people to continue trying. According to Metcalfe et al., the TOT state enhances curiosity, which might mean something more than a simple attempt to retrieve some information from memory.

It has been shown that a speaker of a language, which does not have the expression “it is on the top of my tongue”, experiences TOTs. These people explain the feeling saying that they try to recall names, and they indicate frustration when not being able to recall the name.

The TOT state can arise also in synaesthetes (synaesthesia is a rare condition involving a crossing of the senses) who experience synaesthetic tastes that are elicited by words. These people are known as lexical-gustatory synaesthetes. They begin to taste an upcoming word before they can actually say it, that is while it is still “on the top of the tongue”. This sensation is triggered by thinking of the word’s meaning, rather than by its sound or spelling.

In a TOT picture-naming task (the study conducted by Simner and Ward has been published on Nature), the participants were shown images of unusual objects (a platypus, for example) to induce the TOT state. During the TOT state, the word required was known but there was a temporary inability to recall it; participants were then questioned about the taste of the target word.

One participant tasted tuna fish when the word castanets was on the tip of her tongue: she then named tuna as the taste associated with the spoken item castanets in the confirmation stage of the experiment, and reproduced this same association in the surprise retest around one year later.

Having something on the top of the tongue involves cognitive processes that cannot be underestimated. They are less automatic than imagined. We can think that we are experiencing only a small riddle to solve each time that we are not able to retrieve a word. However the reality is very different, our brain is intertwining a lot of information at very high speed.

There are other similar phenomena to the tip-of-the-tongue. The tip-of-the-nose is an example. It is the feeling of being almost sure that a name of a familiar odor will be recalled in the presence of the particular odor.

Some studies suggest that the function of the TOT state is alerting us to the possibility that the apparent current retrieval failure in fact has the potential for future retrieval success, and therefore to direct us to appropriate continued retrieval efforts.

Eventually, how can I say it, it is here, it is on the top of my tongue…

Ti è mai capitato di dover dire “ce l’ho sulla punta della lingua”? Avere quella sensazione di “vedere” la parola che vorresti dire, senza riuscire a richiamarla alla mente?

Beh, anche in questo caso sei vittima del tuo cervello!

Come suggerisce Brown, generalmente il cervello umano richiama le informazioni dalla memoria in modo automatico che prendiamo per buono senza farci troppe domande, soprattutto perché immediato e non richiede sforzo. Avere qualcosa sulla punta della lingua (in inglese tip-of-the-tongue state, abbreviato in TOT, che useremo qui in avanti) è quel tipo di sensazione di momentanea inaccessibilità riguardo ad una parola che una persona sta provando a richiamare alla mente.

Dato che il richiamo alla mente delle parole è immediato, esaminarlo in un fermo immagine imposto dal TOT suggerisce delle sfumature che potrebbero sfuggire nell’analisi delle normali funzioni di richiamo delle parole. Lo stesso Brown suggerisce che questo processo sia simile ad un video al rallentatore che rende più chiare le movenze di un colibrì in volo.

Generalmente lo stato di TOT è considerato essere un secondo pensiero, in un esperimento degli anni ’80 è stato analizzato il richiamo alla mente di informazioni da una piccola categoria semantica, i sette nani Disney, arrivando alla conclusione di come l’incapacità dei soggetti di nominare tutti e sette i nani fosse dovuta ad uno stato di TOT.

Schwartz suggerisce che lo stato di TOT abbia due componenti: una a livello base — il livello cognitivo — identificabile con l’atto di richiamare qualcosa alla memoria; un’altra ad un livello superiore — il livello metacognitivo — identificabile come la riflessione fatta riguardo al livello cognitivo.

Generalmente siamo consapevoli di questa riflessione quando incappiamo in uno stato di TOT, mentre ad un livello cognitivo, quindi più basso, cerchiamo solo di richiamare alla mente qualcosa che ci manca.

Volendo esemplificare il concetto, puoi pensare di accendere la tua auto e notare una spia che ti avvisa “Pressione delle gomme bassa”. La spia ti avvisa che c’è un problema, ma la spia non è il problema.

Lo stato di TOT è come il segnale dato dalla spia, ti avverte che c’è un problema con il tuo sistema di richiamare alla mente una parola, ma non è lo stato di TOT ad essere il problema. La tua consapevolezza del problema ti consente di fare qualcosa a riguardo. Puoi portare la tua auto dal meccanico quando vedi la spia accendersi, così come puoi continuare a cercare la parola che cerchi quando non riesci a richiamare qualche termine alla mente.

La sensazione di essere in uno stato di TOT genera un lieve tormento, simile a quello di essere sul punto di starnutire, dove se si riesce a ritrovare la parola il sollievo è considerevole.

La sensazione di essere in uno stato di TOT genera un lieve tormento, simile a quello di essere sul punto di starnutire, dove se si riesce a ritrovare la parola il sollievo è considerevole.

Alcuni studi hanno analizzato il processo di TOT, dimostrando come gli individui possano predire la probabilità di ricordare in un secondo momento le parole che non riescono a richiamare alla mente, questa sensazione è chiamata sentimento del conoscere (in inglese feeling of knowing, FOK). Durante gli stati di TOT i soggetti sono sicuri di poter richiamare le informazioni che non riescono a ricordare, mentre per quanto riguarda gli stati di FOK il soggetto valuta la probabilità di riconoscimento della parola mancante.

Durante un esperimento, non appena i soggetti fallivano nel tentativo di richiamare alla mente un’informazione, essi, rispetto alla stessa informazione, dovevano dichiarare se fossero andati in uno stato di TOT (risposte: si/no) e successivamente dichiarare la loro valutazione dello stato di FOK (risposte: scala di valori da 1 a 5); in molti casi i soggetti dichiararono di non essere andati in uno stato di TOT, dando comunque un’alta valutazione del loro stato di FOK. Questo ha dato più forza alla convinzione degli studiosi che le due risposte siano sorrette da processi introspettivi differenti.

Lo stato di TOT è un’euristica (puoi trovare più informazioni qui) e può risultare dalle speculazioni che le persone fanno sulle informazioni che hanno a disposizione, ad esempio alcuni attributi della parola mancante. Se non riesci a richiamare una parola alla mente ma riesci a ricordare la prima lettera, si può dedurre che la parola è sull’urlo di essere ricordata.

Lo stato di TOT potrebbe avere un obiettivo dal punto di vista evoluzionistico; le persone continuano nei loro sforzi nel richiamare una parola quando sono in uno stato di TOT: la sensazione metacognitiva sembra indurre la persona a continuare a provare. Secondo uno studio di Metcalfe et al. lo stato di TOT induce curiosità, che potrebbe significare più che un semplice tentativo di richiamare qualcosa alla mente.

E’ stato dimostrato come chi parla una lingua che non ha l’espressione “Aver sulla punta della lingua…” possa ugualmente fare esperienza dello stato di TOT. Queste persone dicono di provare a ricordare alcune parole, indicando una frustrazione per questa situazione.

Lo stato di TOT può nascere anche nei sinestetici (la sinestesia è una rara condizione per la quale c’è un coinvolgimento incrociato dei sensi) che hanno gusti suscitati dalle diverse parole. Questi, conosciuti anche come sinestetici lessicali-gustativi, iniziano a gustare una parola imminente prima che possano effettivamente dirla a voce, cioè mentre è ancora sulla punta della lingua. Questa sensazione è attivata dal pensiero del significato di questa parola, piuttosto che dal suo suono o dalla sua ortografia.

Durante l’esperimento (lo studio di Simner e Ward è stato poi pubblicato su Nature) ai partecipanti venivano mostrate immagini di oggetti inusuali (un ornitorinco, ad esempio) per indurre uno stato di TOT, nel quale la parola richiesta era conosciuta, ma dove c’era poco tempo materiale per richiamarla alla mente; a quel punto ai partecipanti sinestetici veniva chiesto il gusto di quella parola.

Una partecipante assaporò il gusto di tonno quando la parola nacchere era sulla punta della sua lingua; questa nominò il tonno come gusto associato alla parola nella seconda fase dell’esperimento, la fase di conferma, riproducendo la stessa associazione in un test a sorpresa un anno dopo circa.

Avere qualcosa sulla punta della lingua richiede dei processi cognitivi non da poco, molto meno immediati di quel che possiamo immaginarci di solito; a noi può sembrare solo un piccolo enigma da risolvere ogni qualvolta non si riesca a richiamare alla mente un termine, eppure il nostro cervello sta intrecciando informazioni ad una velocità sostenuta.

Ci sono altri fenomeni simili come avere qualcosa sulla punta del naso (tip-of-the-nose), quando siamo praticamente certi che il nome di un odore a noi familiare ci verrà in mente solo quando risentiremo quel particolare odore.

Alcuni studi propongono che la funzione dello stato di TOT sia quella di avvisarci della possibilità che l’apparente fallimento nel richiamare momentaneamente qualcosa alla mente possa successivamente essere trasformato in un successo nel recupero di quel termine, e quindi lo stato di TOT ci indirizza verso appropriati sforzi per far sì che ciò avvenga.

In definitiva, come dire, ce l’ho proprio qui, sulla punta della lingua…

References

1. Metcalfe J., Schwartz B. L., Bloom P. A., The tip-of-the-tongue state and curiosity, Metcalfe et al. Cognitive Research: Principles and Implications (2017) 2:31

2. Schwartz B. L., Metcalfe J., Tip-of-the-tongue (TOT) states: retrieval, behaviour, and experience, Mem Cogn (2011) 39:737–749

3. Brown A. S., A Review of the Tip-of-the-Tongue Experience, Psychological Bulletin, 1991, vol. 109, №2, 204–223

4. Cleary A., M., Claxton A. B., The Tip-of-the-Tongue Heuristic: How Tip-of-the Tongue States Confer Perceptibility on Inaccessible Words, J. of Experimental Psychology: Learning, Memory and Cognition, 2015, Vol. 41, №5, 1533–1539

5. Simner J., Ward J., The taste of words on the tip of the tongue, Nature, 2006

6. Brennen T., Vikan A., Dybdahl R., Are tip-of-the-tongue states universal? Evidence from the speakers of an unwritten language, MEMORY, 2007, 15 (2), 167–176

--

--

--

Intern at Intesa Sanpaolo Innovation Center | Finance, Investment, Startup | Behavioral economics, innovation | Self development | Sharing ideas

Love podcasts or audiobooks? Learn on the go with our new app.

Recommended from Medium

Finding your true self

Where did our childhood memories go?

Mental Block

Can a Pain-free Zap to the Brain Cure Obsessive-Compulsive Behavior?

Part 7: Attention as Contact

Things Make Men More Attractive to Women

The Pitfalls of Passing Judgements

Language Beyond Communication

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store
Jacopo Pagni, MSc.

Jacopo Pagni, MSc.

Intern at Intesa Sanpaolo Innovation Center | Finance, Investment, Startup | Behavioral economics, innovation | Self development | Sharing ideas

More from Medium

Earth Day Manifesto

Follow the omens, trust yourself

How to deal with knowing your power

Miguel Angel Juárez Díaz (English)